Candidati

Gianluca Paoli, 44 anni, residente a Bagnolo dall’età di 3, è sposato con Annalisa e padre di tre figli maschi di 15, 10 e 8 anni. Diplomato in maturità scientifica al liceo “L. Spallanzani” di Reggio Emilia, oggi è titolare di una impresa artigiana di servizi nel settore della climatizzazione, con sede a Bagnolo in Piano. Negli ultimi venticinque ha svolto attività in ambito sportivo (è stato allenatore giovanile di calcio, presidente della società sportiva Virtus Bagnolo fino al 2010 e tuttora è tra gli organizzatori della Festa dello Sport) e culturale (è fondatore e responsabile degli eventi del Circolo Culturale “Giovanni Paolo II” e dell’Associazione culturale Laboratorio Democratico). Nel tempo libero coltiva la passione per il teatro, per il quale, da dilettante, si cimenta nelle vesti di attore, autore e regista, con particolare attenzione ai temi legati alla memoria storica. In Consiglio Comunale dal 2009 nei banchi dell’opposizione, dal 2014 ricopre anche il ruolo di Consigliere dell’Unione Terra di Mezzo in rappresentanza dei gruppi di minoranza di Bagnolo. Nell’ultimo quinquennio è stato presidente della Consulta Urbanistica e membro della Commissione Bilancio e Affari Generali del Comune. Il suo impegno politico di questi ultimi 10 anni non lo ha mai visto assente alle sedute del Consiglio comunale, con il 100% delle presenze.

<< Molti cittadini, in questi anni, hanno potuto verificare la fondatezza delle nostre critiche all’attuale Amministrazione e apprezzare la serietà e la bontà delle nostre proposte. Vicende come quella di Piazza Garibaldi dimostrano che la distanza tra cittadini e istituzioni deve essere colmata da un cambio di passo che metta al centro i primi, non i partiti. Il mio obiettivo resta sempre lo stesso, restituire al paese un governo aperto al contributo di tutti, senza divisioni ideologiche, in grado di operare sempre la scelta migliore perché realmente senza padroni e interessi da preservare e senza scheletri nell’armadio da coprire a tutti i costi. Il nostro programma è orientato al principio per il quale a guidare l’agire amministrativo non saranno più le idee di pochi al servizio dei pochi che contano, ma le idee di tanti al servizio di tutti. Ascolto, rispetto, studio, impegno, buon senso, competenza e onestà: queste sono le qualità che metterò in campo in ogni settore, se Bagnolo Viva sarà chiamata a governare Bagnolo”. >>

<< Ho deciso di accettare la proposta di Gianluca Paoli di un impegno in Giunta perchè in questi anni ho avuto modo di apprezzarne l’etica, lo spessore umano e la competenza amministrativa, e credo che la possibilità di vederle applicate al governo del territorio sia, oggi, l’unica risposta credibile ad anni di pressapochismo e superficialità. Se è vero, come diceva Socrate, che “la pena che i buoni devono scontare per l’indifferenza alla cosa pubblica è quella di essere governati da uomini malvagi”, non potevo sottrarmi a una richiesta che cercherò di onorare in tutti i modi, mettendo al servizio della collettività l’esperienza accumulata in tanti anni di attività imprenditoriale, sempre svolta nel paese in cui sono nato e ho scelto di vivere. >>

<< La Nuova Legge Urbanistica impone la riduzione dell’uso del suolo incentivando la rigenerazione urbana anche attraverso investimenti e assistenza alle imprese per l’accesso al credito. Mi adopererò per costituire l’Ufficio di Piano e affiancarlo nella redazione di questo nuovo strumento urbanistico, investendo in parallelo sulla qualificazione del personale tecnico-amministrativo. Mi attiverò per semplificare i processi di pianificazione per coinvolgere i cittadini nella progettazione partecipata.
E’ fondamentale per il prossimo futuro, formulare un calendario per la gestione programmata della manutenzione alle asfaltature, ai cimiteri, al verde, all’arredo urbano e alle attrezzature per il gioco bimbi. Dove ce ne sarà la possibilità, si introdurrà la formula del coinvolgimento tra amministrazione e cittadini per la cura del bene comune.
Mi impegnerò ad iniziare un percorso di eliminazione della barriere architettoniche in tutti i luoghi di accesso al pubblico.>>

<< Ringrazio Gianluca Paoli per la proposta di applicarmi al ruolo di Assessore ai Servizi Sociali e alle Politiche giovanili, una sfida che mi permette di portare a Bagnolo e al servizio della collettività la mia esperienza professionale e conoscenza. Il mio mandato si svolgerà con l’obbiettivo di sviluppare progetti e servizi di supporto alle famiglie, alle coppie e ai singoli, ai soggetti con disabilità. L’integrazione risulterà centrale L’attenzione sarà rivolta anche ai giovani che necessitano di spazi di svago e aggregazione sul nostro territorio. Mossa da un impegno autentico a lavorare per il nostro Comune utilizzando non solo il mio vissuto di cittadina bagnolese ma attraverso l’ascolto e il confronto con chi avrà idee, bisogni e voglia di confrontarsi con l’amministrazione.>>
<< Garantire e favorire, due termini che hanno come finalità il bene delle persone che a Bagnolo vogliono investire o che, già da anni, svolgono servizi preziosi per il paese. Se è vero che la vicinanza a Reggio da un lato è sinonimo di “esodo commerciale e produttivo” è altrettanto vero che la passione e la competenza dei nostri imprenditori, commercianti, privati e ditte, hanno fatto crescere e sviluppare a Bagnolo una rete di lavoro, commercio, industria che ha avuto come scopo, il benessere delle famiglie che quì abitano o verranno a vivere.
Vogliamo creare, una comunità che sia fiera della propria appartenenza, aiutando e favorendo le attività commerciali e di impresa, dando la possibilità di poter investire e creare, dal centro alle frazioni, una rete di servizi e di lavoro >>

<< Il mio lavoro mi ha insegnato che il risparmio e l’efficientamento energetico sono la fonte rinnovabile con la maggior disponibilità e il minor costo attualmente sul mercato. Visti i tempi inoltre, è nostro dovere cercare di ridurre gli sprechi e per quanto possibile lasciare questo paese meglio di come lo abbiamo trovato. Perché se anche un’adolescente svedese, la #GretaThunberg di cui tutti almeno una vota abbiamo sentito parlare, riesce a mettere la nostra coscienza con le spalle al muro, non possiamo, e soprattutto non può farlo l’amministrazione pubblica, aspettare oltre. È finalmente ora di cambiare passo. >>

<< Il coinvolgimento della comunità negli interventi dell’amministrazione passa anche attraverso l’implementazione di moderne soluzioni tecnologiche sempre più orientate a razionalità ed efficienza.
Dovremo affiancare alle azioni indirizzate a risparmio energetico anche applicazioni in ambito smart city per migliorare il controllo del territorio.
Tutti gli ambiti di intervento orientati ad aggiornamento tecnologico dovranno non solo portare benefici al nostro ente ma tradursi in best practice da promuovere verso privati ed aziende della nostra comunità.
Vorrei raggiungere questi obiettivi mettendo al servizio della collettività le competenze professionali maturate negli ultimi 20 anni nel settore delle tecnologie dell’informazione attraverso progetti di ricerca e sviluppo cofinanziati dalla comunità europea che mi hanno permesso di collaborare con diversi università e centri di ricerca.>>

<<Ho aperto gli occhi sul paese in cui ho sempre vissuto da adulta. Quando sono diventata mamma, in particolare, ho ricominciato a vivere intensamente Bagnolo, a usufruire dei servizi, degli spazi, delle infrastrutture che sono proprie del nostro comune, ed a coglierne (forse per la prima volta in modo consapevole!) le opportunità e i limiti.
Vorrei donare, nello spirito di collaborazione che è proprio del modo rivoluzionario di intendere l’amministrazione della Lista Civica Bagnolo Viva, il mio tempo e le mie competenze al mio paese.
Negli ultimi dieci anni ho lavorato in ambito energetico, con un focus su efficienza di impianti e di sistemi. Credo profondamente che mutuando le buone pratiche consolidate in campo privato ed industriale si possano ottenere ottimi risultati anche nella gestione degli impatti ambientali propri della pubblica amministrazione, non solo per tenere fede al Patto dei sindaci (obiettivi di riduzione emissioni), ma per garantire e consegnare a tutta la comunità una migliore qualità della vita. >>

<< Da abitante di San Tommaso, quello che vorrei portar avanti è l’impegno di realizzare, concretamente, progetti e iniziative in grado di dare la stessa importanza alle frazioni come al centro. Credo che una programmazione di investimenti costante sulle frazioni possa restituire ai suoi abitanti un territorio più curato, senza far sorgere, come è accaduto negli ultimi anni, situazioni difficili da recuperare. La nostra Lista Civica nasce con una idea forte di comunità, dove non vi sono differenze tra cittadini, della quale tutti facciamo parte e della quale siamo tutti chiamati a prenderci cura.>>

<<Ho accettato questa sfida perché in questi anni, come cittadina e come volontaria di associazioni culturali del paese, ho constatato la necessità di migliorare la comunicazione interna tra gli uffici comunali per velocizzare le pratiche e rendere più efficienti i servizi al pubblico, ma anche la possibilità di ridefinire e potenziare l’immagine del Comune verso l’esterno, per sostenere le iniziative di cittadini e associazioni, per dare nuova linfa alle idee, promuovere e condividere progetti e spunti originali. Conoscere, ascoltare e partecipare sono le parole chiave di una cultura che possa realmente definirsi “bene comune”>>

<< Il mio impegno, serio e forte, per garantire sicurezza a nostri quartieri e al nostro paese, attraverso progetti concreti per i cittadini con forme di aggregazione e sviluppo del senso di comunità, per contrastare il disagio e la paura dati dall’insicurezza.
Unione e buoni rapporti di vicinato possono essere gli strumenti per veicolare fiducia negli altri e per infondere serenità.
Sicurezza vuol dire anche poter riprendersi gli spazi che ci competono, poter passeggiare o frequentare i parchi del paese.
Abbiamo la forza, la volontà e gli strumenti perchè le nostre idee diventino una bella realtà per tutti e soprattutto per le persone più “fragili”, come anziani e giovani, perchè vivere in un paese sicuro significa vivere tutti meglio.>>

<< Ho deciso di intraprendere questa avventura perché nonostante la mia giovane età ritengo di poter partecipare attivamente alla vita del paese. Sono una persona estroversa e curiosa, ho una gran voglia di imparare da chi mi sta attorno ma al contempo di dire la mia. Dal 2017 sono diventata titolare dell’azienda agricola di famiglia e questo mi ha permesso di rapportarmi col mondo del lavoro acquisendo maggior senso di responsabilità. Per il paese e soprattutto per i giovani vorrei più luoghi di aggregazione, in cui potersi conoscere, incontrarsi, chiacchierare e divertirsi, senza doversi spostare necessariamente nei paesi limitrofi per trascorrere una serata con gli amici. Vorrei davvero che BAGNOLO diventasse VIVA!>>

<< In questi anni ho sperimentato la grande importanza delle Associazioni di volontariato, culturali e sportive di Bagnolo. Un patrimonio incredibile costituito da cittadini impegnati e solidali che vorrei potessero essere i veri protagonisti della crescita umana, sociale e culturale del paese.
Per questo il mio intento è di favorire una collaborazione costruttiva tra Amministrazione Comunale, Associazioni e Scuole affinchè le potenzialità di ciascuna vengano messe a disposizione della comunità, in particolare per la creazione e promozione di eventi che diventino appuntamenti attesi e di forte richiamo anche al di fuori del territorio comunale e per la gestione e cura di luoghi, come i parchi, che necessitano di una nuova vitalità e identità.
Lavorando insieme si potranno offrire servizi che una singola associazione o l’Amministrazione da soli non potrebbero garantire, rinforzando il senso di responsabilità e di iniziativa.>>

<<Il nostro territorio ha la fortuna di avere numerose agenzie educative che concorrono alla formazione di bambini e ragazzi.
Tra queste oltre alla Scuola, possiamo individuare il Centro Giovani e la Parrocchia. L’obiettivo che ci vogliamo porre è rafforzare la rete educativa attraverso la creazione di tavoli di lavoro periodici ai quali parteciperanno i referenti di ciascuna agenzia. In questi tavoli verranno programmati gli obiettivi, verificati nel loro svolgimento ed eventualmente migliorati dove vengano riscontrate criticità. Inoltre si provvederà a stipulare convenzioni con l’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia per l’attivazione di tirocini curricolari rivolti al corso di Scienze dell’Educazione, in modo da far crescere di pari passo la nostra comunità e i suoi studenti>>

<< Sono passati diversi anni da quando ho iniziato ad utilizzare quotidianamente i mezzi pubblici per recarmi al lavoro, e proprio in questi ultimi anni ho visto la progressiva decadenza del servizio di trasporto pubblico locale, soprattutto quello ferroviario. Per noi bagnolesi è diventata un impresa recarci al lavoro o a scuola o anche soltanto andare a Reggio: così vicini alla città ma al tempo stesso così lontani!
Quello che più mi ha fatto male è vivere in prima persona l’incapacità dell’amministrazione comunale di pretendere e ottenere dai gestori del servizio un trasporto ferroviario decente, compresa l’agibilità di una stazione bruciata ormai un anno e mezzo fa.
Quando mi è stato proposto di candidarmi per la Lista Civica Bagnolo Viva, ho visto la possibilità di continuare a fare, in un’altra sede, quello che già facevo, cioè “combattere” per i nostri diritti di utenti. Il mio impegno sarà rivolto alla diretta ricerca di soluzioni a tutti questi problemi.>>

<< Ho deciso di scendere in campo con Bagnolo Viva perché credo che i giovani del nostro paese meritino più attenzioni da parte delle istituzioni. Dato che Bagnolo possiede già un ottimo potenziale a livello di strutture, il mio obiettivo è restituire al paese sani luoghi di svago e divertimento. Tra questi vi sono sicuramente: l’ex Maki Pub, inutilizzato ma in ottime condizioni, con annessa sala prove dotata ancora di insonorizzazione, batteria, casse; il parco Europa, che con un chiosco, griglie e zona picnic può davvero diventare un nuovo centro di aggregazione per ogni età, oggi curato solo in tempi di elezioni; il Palazzetto, che necessita di una scala di emergenza esterna che possa renderlo a norma per ospitare feste o eventi sportivi di grande affluenza; la biblioteca comunale, che con il perfezionamento di orari e zone studio, può tornare ad essere un ottimo punto di riferimento per gli studenti. Insomma, se oggi la scelta di molti giovani Bagnolesi è quella di andarsene, noi dobbiamo creare un futuro che permetta loro di scegliere di rimanere.>>